Disturbo schizoaffettivo

La persona che ne soffre manifesta, sia alcuni sintomi della schizofrenia, ovvero deliri e allucinazioni, sia sintomi depressivi o maniacali, o misti (depressivi e maniacali), contemporaneamente e in tempi diversi.
La malattia può dunque iniziare con sintomi psicotici, ai quali si sovrappongono gravi sintomi affettivi per un periodo significativo, al termine del quale si manifestano di nuovo solamente i sintomi psicotici. La durata minima di un episodio schizoaffettivo è di un mese.

Se il disturbo dell’umore associato ai sintomi psicotici è depressivo, la depressione dell’umore deve essere pervasiva. Al disturbo si associano spesso la riduzione del funzionamento lavorativo, dei contatti sociali, la trascuratezza nella cura di sé e aumentato rischio suicidario.

Il disturbo può insorgere in qualunque momento della vita, frequentemente all’inizio dell’età adulta. La prognosi è migliore di quella della Schizofrenia, soprattutto se l’insorgenza del disturbo è associata a eventi stressanti precipitanti.

La cura di tale disturbo prevede il trattamento di ognji aspetto della malattia, pertanto, come in ogni disturbo psicotico, è necessario intervenire con i farmaci, con la psicoterapia, con la riabilitazione sociale e con i gruppi di supporto per i familiari.

Prenditi cura del tuo benessere, non aspettare

scegli la sede più vicina e contattaci

Share This