Amnesia

amnesia
Home » Approfondimenti » Amnesia

Nei casi di amnesia, così come nei disturbi di tipo delirium o demenza, l’aspetto predominante è un deficit di memoria o cognitivo di notevole importanza clinica. La causa di tale deficit può essere attribuita ad una condizione medica, all’uso di una sostanza di abuso o di un medicinale.

Cos’è l’amnesia

La persona colpita da amnesia cerebrale non è in grado di apprendere nuove informazioni o di ricordare eventi passati. Il disturbo amnestico è spesso preceduto da un quadro clinico che comporta confusione e disorientamento, con occasionali problemi di attenzione. Il disorientamento può essere spaziale o temporale, ma raramente riguarda se stessi.

Amnesia cause e sintomi

La maggior parte delle persone con grave disturbo amnestico non è consapevole del proprio deficit di memoria e può negarlo, nonostante le prove evidenti. Questa mancanza di consapevolezza può portare ad accusare gli altri o a stati di agitazione. A volte la persona presenta apatia, mancanza di iniziativa, ottundimento emotivo (“non sente nulla”) e può apparire superficialmente socievole.

L’età di insorgenza e il decorso dell’amnesia può essere molto variabile, a seconda della patologia che ne sta alla base. Una lesione traumatica del cervello o un ictus possono portare all’insorgenza acuta del disturbo amnestico. L’abuso di sostanze o la deficienza nutrizionale protratta possono provocare un’insorgenza insidiosa. Un danno cerebrovascolare può portare a un’amnesia transitoria ricorrente.

Il trattamento dipende dalla causa dell’amnesia: se di origine emotiva, allora l’intervento sarà psicologico e avrà l’obiettivo di aiutare la persona a riappropriarsi dei ricordi dimenticati, per reintegrarli nella propria esperienza di vita. È importante permettere alla persona di elaborare eventuali traumi e bisogni alla base dell’esperienza amnestica stessa.


Prenditi cura del tuo benessere, non aspettare

PSICOLOGI ROMA: Scegli la sede più vicina e contattaci!


Amnesia Anterograda e Amnesia Retrograda: differenze

L’amnesia anterograda e l’amnesia retrograda sono due tipi di amnesia che differiscono per la natura dei ricordi che vengono persi.

Amnesia Anterograda: Questo tipo di amnesia causa l’impossibilità di memorizzare ciò che accade dal momento del danno in poi. È causata da lesioni nei centri di memorizzazione. Può essere complessiva, dove si dimentica tutto, o selettiva, dove può riguardare solo alcune memorie.

Amnesia Retrograda: Questo tipo di amnesia causa la cancellazione di eventi passati per danni nei centri di archiviazione. In pratica, il paziente non riesce a ricordare ciò che faceva già parte del patrimonio mnesico prima del danno cerebrale, ma presenta una completa lucidità per quanto succede in seguito. L’estensione della lacuna di memoria è variabile e può limitarsi a pochi minuti o dilatarsi ad alcuni decenni della vita.

Entrambi i tipi di amnesia possono essere collegati a danni all’ippocampo, una regione del cervello che fa parte del sistema limbico e che è la stazione di partenza del consolidamento delle memorie a lungo termine.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy